A San Valentino sorprendilo!


È il giorno di San Valentino. E un suggerimento per questa data così speciale per gli innamorati non potevamo esimerci dal presentarvelo: un trucco elegante e raffinato pensato dai nostri esperti di bellezza!


FUMO NEGLI OCCHI

Si chiama smokey color eyes, occhi fumosi. Questa tecnica trova un’eccellente rappresentante persino nel passato con la regina egiziana Cleopatra che amava contornare i suoi occhi con linee nere consistenti per rendere la forma dell’occhio sensuale. Nel mondo arabo da sempre si utilizzano colori scuri all’interno dell’occhio che, sfumati sulla palpebra, danno profondità. Per la donna occidentale, dalla carnagione chiara, il contrasto è ancora più evidente. Si combinano le sfumature più svariate, mantenendo la base scura. Gli accorgimenti da seguire sono pochi. Scegli, innanzitutto, un pigmento in contrasto con il tuo iride: per un effetto sorprendente, su un occhio verde devi utilizzare il viola o l’arancio, su un occhio azzurro, il verde o il rosso, così come su un iride marrone, un verde ti farà risplendere più che mai. L’attaccatura delle ciglia, l’interno occhio e l’infracigliare della palpebra inferiore, saranno rigorosamente colorati di nero.






1. Fondo tinta

Utilizzalo anche su occhi e bocca, evitando un correttore troppo chiaro. Meglio compensare un’occhiaia scura con un correttore aranciato.









2. Ombretto

Dopo aver applicato, sfumandola, la matita del colore scelto, fissala con ombretti in polvere. Otterrai, così, un trucco duraturo e pieno di sfumature, quasi cangianti.









3. Sfumatura

Lo smokey color eyes deve essere sempre realizzato con sfumature frastagliate, mai troppo definite.










4. Mascara

Deve essere rigorosamente nero e le ciglia ben pettinate. Un punto luce sotto le sopracciglia illumina il trucco e aiuta a renderlo più duraturo.










5. Labbra

Ricorda, infine, che quando ci si concentra sul trucco degli occhi, le labbra devono conservare un effetto più naturale possibile.

42 visualizzazioni

©2020 Reg.Trib.CS n. 1 del 12.02.2020.